[MT]Antonio Manzini - L’anello mancante. Cinque indagini di Rocco Schiavone (2018)[Ebook-Pdf-Ita-Poliziesco]


    Seeders : 0      Leechers : 0

Downloads : 16
Language : Italian
tag : Romanzo,Poliziesco,




Description









Titolo originale: L’anello mancante. Cinque indagini di Rocco Schiavone
Autore: Antonio Manzini
1ª ed. originale: 2018
Data di pubblicazione: 26/04/2018
Genere: Romanzo
Sottogenere: Poliziesco
Editore: Sellerio Editore
Collana: La Memoria
Pagine: 256






Antonio Manzini (Roma, 7 agosto 1964) è un attore, sceneggiatore, regista e scrittore italiano.
Lavora prevalentemente come attore cinematografico e televisivo. In TV ha interpretato fra gli altri ruoli l'"ispettore Tucci" in Linda, il brigadiere e... e "Serpico" in Tutti per Bruno.
Ha anche lavorato come regista in alcuni film e cortometraggi e come sceneggiatore dei film Il siero della vanità (di Alex Infascelli del 2004) e Come Dio comanda (di Gabriele Salvatores del 2008).
Ha pubblicato diversi racconti e romanzi gialli: Sangue Marcio e La giostra dei criceti sono i suoi primi lavori. Con Sellerio editore Palermo, Antonio Manzini dà alla stampa racconti e romanzi che hanno come protagonista il Vicequestore Rocco Schiavone, poliziotto fuori dagli schemi, poco attento al potere ed alle forme. Rocco Schiavone è il protagonista dei romanzi Pista Nera (2013) , La costola di Adamo (2014), Non è Stagione (2015), Era di maggio (2015), 07-07-2007 (2016), oltre che di racconti presenti nelle antologie poliziesche Capodanno in giallo, Ferragosto in giallo, Regalo di Natale, Carnevale in giallo , Crisi in giallo, Turisti in giallo (racconto Castore e Polluce) e Calcio in giallo (alcuni dei quali poi raccolti nel volume Cinque indagini romane per Rocco Schiavone, vincitore del Premio Chiara 2016).
Il 20 Ottobre 2016 Chiarelettere pubblica il suo nuovo libro Orfani bianchi, opera incentrata sui figli delle badanti provenienti dell'est europa.



Serie di Rocco Schiavone

2013 - Pista nera
2014 - La costola di Adamo
2015 - Non è stagione
2015 - Era di maggio
2016 - Cinque indagini romane per Rocco Schiavone
2016 - 7-7-2007
2017 - Pulvis et umbra
2018 - L’anello mancante. Cinque indagini di Rocco Schiavone

Altri

2005 - Sangue marcio (2005)
2007 - La giostra dei criceti (2007)
2015 - Sull'orlo del precipizio (2015)
2016 - Orfani bianchi (2016), Chiarelettere editore

Racconti

2012 - L'accattone (2012)
2013 - Le ferie d'agosto
2013 - Buon Natale, Rocco!
2013 - La ruzzica de li porci
2014 - Rocco va in vacanza
2015 - Castore e Polluce
2015 - L'anello mancante
2016 - ...e palla al centro
2017 - Senza fermate intermedie
2017 - L'eremita




Un ritratto del vicequestore Rocco Schiavone. Cinque tessere che contribuiscono a definire il personaggio per chi già lo conosce e servono come una presentazione per chi non l'ha mai letto. Racconti già pubblicati in varie antologie che questo volume mette insieme per la prima volta. Il primo - che dà il nome all'intera raccolta ed è ampio poco meno che un romanzo breve - ha un inizio macabro, quasi horror: al cimitero, dentro una cappella gentilizia, viene trovato un cadavere sconosciuto disteso sopra la bara di un'altra; unico indizio uno strano anello nuziale. Ma presto la storia prende le vie tipiche che ispirano Antonio Manzini: innestare su un'indagine poliziesca misteriosa disagi esistenziali, denuncia sociale, sentimenti profondi; il tutto narrato con un umorismo ironico che sfiora il sarcasmo, fatto di battute rapide e paradossi, che nella misura breve dei racconti sembra persino accentuarsi per concentrazione. Le altre storie che seguono - tre amici in gita alpinistica finita con il morto; una partita di calcio truffaldina tra uomini di legge; un delitto nella «camera chiusa» di un treno; un innocuo eremita ucciso in una chiesetta abbandonata - sono indagini che portano, secondo l'umor nero che non lascia mai Schiavone, a «una conclusione scomoda, squallida, triste, più del cielo di questa città». Lui, il protagonista indiscusso, è un poliziotto non integerrimo, spesso ai limiti della brutalità, ma che sa riconoscere una persona vera ovunque e comunque si presenti. Un uomo che non sopporta il tempo in cui vive, per tanti motivi, ma soprattutto perché gli ha strappato la cosa più importante della vita.

Incipit:
Aprì lo sportello della credenzina di alluminio dove si conservavano le chiavi delle cappelle private. Gli impiegati che lo avevano preceduto negli anni avevano suddiviso il cimitero in zone. Zona A, alla quale corrispondeva il mazzo di chiavi numero 1. Zona B numero 2, e così via, fino alla zona F, la più antica del cimitero, dove ci si sarebbe aspettata la chiave numero 6, e invece la chiave era segnata con il numero 7. Il perché non ci fosse il numero 6 restava oscuro ad Alfonso Cibruscola, guardiano in forze dal 1994. Ci aveva riflettuto sopra nelle lunghe giornate grigie e noiose in compagnia di sepolture e nuvole basse, ed era arrivato alla conclusione che non si trattava di una semplice dimenticanza, ma di una forma di scaramanzia verso il numero 6 che ripetuto per tre volte avrebbe forse regalato alle chiavi un potere magico e sinistro, quello di aprire non le porte delle cappelle ma della sostanza malefica del mondo.
Il mazzo numero 7 non era nella credenzina. «Uffa...» mormorò fra i denti, e cominciò a cercarlo fra i cassetti della scrivania e i ripiani della piccola libreria dell’ufficio. D’altra parte le chiavi della zona F, angolo remoto del camposanto dove raramente parenti o affini andavano a fare visita ai propri cari, non venivano mai richieste. La maggior parte delle famiglie che riposavano lì s’erano estinte, e molti defunti non avevano più nessuno che andasse a dare una spolverata alle lapidi, a cambiare l’acqua ai vasi e a dire un paio di preghiere il giorno dei morti. Dopo dieci minuti Alfonso trovò il mazzo dimenticato in fondo a un cassetto, nascosto dietro le ricevute di un vivaio. «Oh, finalmente!» esclamò prendendo il cerchio di ferro con le chiavi lunghe e brunite dal tempo.




“Non credo negli eroi senza macchia e senza paura. Credo nelle persone umane. Rocco Schiavone è un uomo e ha un’umanità molto forte, è empatico. Fa il poliziotto ma è cresciuto per strada, ha finito per fare la guardia mentre gli amici con cui giocava da ragazzino sono diventati ladri. Forse è rimasto un po’ ladro anche lui”.
Antonio Manzini

“Uno dei personaggi più riusciti del giallo italiano, pieno di difetti, quindi perfetto”.
Bruno Ventavoli, Tuttolibri – La Stampa

Ha scritto Antonio D’Orrico (il severo critico del Corriere della Sera) che Rocco Schiavone appartiene alla parte migliore degli italiani; anche se indurito dalla vita e incavolato con il mondo, possiede una umanità e una intelligenza delle cose che lo rende un eroe positivo. È vero, fuma spinelli, ha un concetto della giustizia tutto suo, conosce però il cuore degli uomini e sa sempre da che parte stare.
Manesco, ruvido, corrotto, scontroso, umorale, individualista, trasgressivo, tormentato, infedele; gli aggettivi si sprecano per definire il lato oscuro di Rocco Schiavone che non fa venir meno quello che di lui attrae e convince: l’insofferenza per la corruzione il perbenismo le diseguaglianze, il profondo senso di equità, la tenerezza, unite al grande talento per il suo mestiere.
Sin dal primo romanzo Pista nera ci siamo abituati a vederlo alle prese con il freddo e il ghiaccio sbattuto ad Aosta per punizione – e ormai i lettori più affezionati sanno perché -, con licenza di uccidere, di farsi le canne, di rubare, di sedurre. Lui romano dalla cima della testa alla punta dei piedi calzati nelle improbabili Clarks, si è ritrovato affondato nella neve, in un mondo chiuso, una zona di confine dalle molte identità dove solo il fantasma di Marina gli fa compagnia. Ma ora c’è Lupa accanto a lui e in commissariato hanno imparato a conoscerlo tutti, dal questore Costa, a Pierron, Deruta e D’Intino.
Queste cinque indagini, ambientate ad Aosta, sono apparse nelle antologie pubblicate dalla casa editrice: L’anello mancante da la crisi in giallo, Castore e Polluce da turisti in giallo, … e palla al centro da il calcio in giallo, Senza fermate intermedie da viaggiare in giallo, L’eremita da un anno in giallo. E oggi vengono raccolte insieme dopo la prima antologia, Cinque indagini romane per Rocco Schiavone, che è stata accolta con autentico entusiasmo, così come i film tv con il formidabile Marco Giallini hanno riscosso un enorme successo. A maggio saranno trasmessi i nuovi attesissimi episodi della serie e saranno riproposti tutti quelli della prima stagione.





Trackers List

Tracker Name
udp://tracker.openbittorrent.com:80/announce
udp://tracker.opentrackr.org:1337/announce

Torrent File Content

  • Antonio Manzini - L'anello mancante - Cinque indagini di Rocco Schiavone (2018).pdf (699.3 KB)


Latest Searches

hourglass mage  |  the fall  |  Jazz  |  Zahra  |  Jazz  |  Moggach  |  Охотники за трофеями  |  VR PORN FIDELIO  |  Jazz  |  PSYCHO PASS  |  Secret Service Secrets  |  lisa harper  |  bravo  |  arctic  |  bravo  |